Nas di Rete guida ai Migliori

Il Nas è l’acronimo inglese di Network Attached Storage, si tratta di un sistema composto da hard disk e schede utile per creare uno spazio privato da condividere in rete, sia locale che internet, dove salvare documenti, foto, film o qualsiasi altro dato in forma digitale. I Nas assomigliamo molto a dei mini pc, all ‘interno custodiscono slot in cui trovano posto diversi hd o SSD, alimentatori e prese di rete.

A cosa serve un NAS di Rete

Avete mai pensato di creare un server privato a casa con il proprio computer? Potrebbe essere utile per archiviare documenti, foto, film, musica o file di qualsiasi genere per renderli sempre disponibili accedendo da Internet. Questa esigenza è molto sentita anche da chi ha un ufficio e deve mettere a disposizione di ogni postazione PC dei documenti. Insomma c’è bisogno di un server privato che possiamo creare in modo semplice e con pochi soldi utile per piccoli e grandi uffici, ma anche per coloro che vogliono creare un server audio video dove salvare film, musica e documenti.

Che NAS di Rete scegliere

Ci sono moltissime tipologie di NAS per creare un server privato o un server cloud , di molti marchi più o meno conosciuti (tra i più famosi citiamo QNAP, Synology, Asustor, Buffalo, Western Digital e Terra-Master): esistono a un solo disco, a due (2 bay) , a quattro fino a molti di più, alcuni sono silenziosi e pensati per essere posizionati nel salotto, altri molto potenti e più adatti agli uffici, alcuni hanno un display altri no, alcuni offrono porte USB o Thunderbolt, connessione wifi, ma tutti, proprio tutti hanno (almeno) una porta Ethernet con la quale connettersi al PC o direttamente alla rete Internet attraverso il modem router.

 

NAS wifi

è un Nas che può essere collegato anche lontano dal modem router e non ha bisogno di fili per avere la connessione internet. Inoltre lo stesso modello può fungere anche da ripetitore wifi per ampliare la portata della rete.

Nas di rete per un piccolo ufficio

se le esigenze sono quelle di creare un server NAS storage per un piccolo o medio ufficio dove salvare i propri documenti e metterli a disposizione di tutti gli impiegati connessi in rete consigliamo il WD My Cloud EX2 da due alloggiamenti, da 4 per una maggiore sicurezza. I due alloggiamenti contengono hard disk ad alta velocità che se configurati in RAID 2 permettono la copia ridondante dei dati per averli sempre salvati in sicurezza in caso di cancellazioni o rotture di uno dei due hd.

E’ facile da usare, compatibile con WINDOWS 10, una volta configurato non ha bisogno di PC per funzionare, si collega direttamente alla porta LAN del model router e può essere accessibile via internet. E’ velocissimo, fino a 120 mb/s in scrittura, può quindi essere usato anche come server streaming video per mettere a disposizione i propri video e musica.

Come funziona un NAS di Rete

Per usare un NAS serve prima di tutto dotarlo di HARD DISK, anche se molto spesso ci sono modelli già pronti con 1, 2 e piú hd, in base a quanti ne può contenere. Uno è necessario, ma in genere più sono meglio è, perché più dischi offrono la possibilità, tramite la tecnologia RAID, di copiare costantemente i dati da un hd all’ altro per fare dei backup. In questo caso siamo sicuri che in caso di rottura di un hd avremo i nostri dati copiati sull’ altro. Non li perderemo mai. Chi ha un ufficio sa quanto è importante avere questa “ridondanza”.

Una volta inseriti i dischi e avviato il tutto, basta scaricare una piccola app (fornita dal produttore) che lo rintracci nella rete locale, e da lì aprire il browser e seguire le istruzioni per la configurazione.

Il fatto di avere tanto spazio a disposizione permette operazioni interessanti: per esempio possiamo creare una serie di volumi e utenti, potendo così condividere una cartella o un documento con altre persone tramite un semplice link via email o tramite un messaggio via WhatsApp, senza preoccuparci di quanto sia grande il documento stesso proteggendo anche l’accesso con una password.

La condivisione può essere libera o protetta o anche limitata nel tempo, in base al tipo di sistema che abbiamo e a quanto teniamo alla nostra riservatezza. Condividere all’esterno non è l’unico nostro obiettivo: con un NAS è estremamente facile attivare uno streaming di musica, video e foto che possiamo
catturare da smartphone e tv.

Il NAS esegue anche un backup automatico dei dati, molto importante per il discorso della protezione dei dati da perdite accidentali. Esistono ovviamente molti modi per eseguire il backup su un NAS box che può essere invocato localmente; ovvero, dal PC o dal dispositivo di cui si desidera eseguire il backup. Ma quasi tutti implicano l’installazione di software o app client o l’utilizzo di soluzioni di backup native. Alcuni fornitori di NAS forniscono persino le proprie soluzioni client / server proprietarie.

Migliori NAS per creare un server

WD 18TB Elements Desktop Disco rigido esterno - USB 3.0

Prezzo: 379,00 €

52 Nuovo e usato disponibile da 299,41 €

Synology DS220j Bundle NAS a 2 vani di fascia base, 8TB con 2X Hard disk da 4TB

Prezzo: 415,78 €

6 Nuovo e usato disponibile da 415,78 €

NAS server video e musicale

nell’ ambito dell’ intrattenimento il NAS ci viene in aiuto. E’ possibile creare un server con film e musica accessibile in qualsiasi momento da internet, ovunque ci troviamo. Per questo tipo di servizi la soluzione migliore è data da Plex , un software davvero fantastico e gratuito.

Plex è una soluzione client/server notevole, utilizzabile sia da PC sia da NAS, anche se ovviamente è con quest’ultimo che trova la sua via più ovvia, perché un NAS, rimanendo sempre acceso, è la piattaforma ideale da cui prelevare i file che ci interessano oppure fare lo streaming dei video senza doverli scaricare in modo completo.

Configurare Plex è davvero facile, basta indicare al server in quali cartelle sono archiviati i film, in quali le serie tv, le foto e la musica, e il software provvederà a scansionare il tutto e a creare un catalogo con copertine, riassunti, voti, attori e commenti . A noi non resta che scaricare l’app per smartphone, tablet e smart TV, fare clic sul telecomando o sul display e guardare il film in streaming.

Ci sono anche altri servizi multimediali che fanno lo stesso lavoro di Plex, citiamo Emby e Kodi che permette anche la gestione di IPTV.   Molti marchi di NAS
come QNAP, Asustor o Synology offrono soluzioni proprie per lo streaming audio e video.

Se acquistiamo un NAS con porta HDMI non abbiamo nemmeno bisogno di collegarlo alla rete, basta connetterlo direttamente alla Tv con un cavo hdmi per godersi lo streaming dei film.

Nas di rete per creare un cloud privato

Sulla rete ci sono moltissimi servizi, anche gratuiti, che permettono di crearsi un cloud privato con un sistema NAS. Dropbox è stato uno dei primi, ma abbiamo anche Google Drive, Amazon Drive, Apple iCloud, Microsoft OneDrive, MediaFire, Yandex Disk, Degoo. Tutti però con delle limitazioni, a partire dallo spazio disponibile che vai dai 5 ai 30 Gb. Poco se vogliamo gestire grosse mole di dati che, comunque, diamo in pasto, a terzi.

Meglio a questo punto creare un cloud privato, che fisicamente teniamo in casa grazie al Nas : ciò significa poter accedere ai propri documenti anche quando siamo in viaggio, ma se il nostro NAS lo permette, diventa possibile anche pubblicare su un sito Web con Joomla o WordPress . Quindi creare un server internet per la pubblicazione di un sito web.

E non solo: sviluppare piccoli servizi privati, avere una soluzione office personale, servizi come RSS, calendario e note, un download manager per documenti e
torrent e, per i NAS più potenti, anche la possibilità di virtualizzare computer Windows o Linux e di controllarli da remoto sempre sfruttando il browser,
una cosa che a casa magari interessa poco ma che in ufficio può diventare molto importante per utilizzare alcune app.

Be the first to comment

Leave a comment

Your email address will not be published.


*